News

Sistemi di sicurezza per aziende

Abbiamo intervistato il nostro Presidente Antonio Abbenda ed abbiamo chiesto a lui di raccontarci i sistemi di sicurezza pensati per le aziende.

Antonio Abbenda

I sistemi di sicurezza per aziende sono la risposta, concreta, alle richieste delle realtà imprenditoriali che hanno come priorità la protezione degli impianti, della produzione e dei lavoratori. SAET progetta sistemi di sicurezza per le aziende italiane da 40 anni. Antonio Abbenda, Presidente SAET SPA ROMA, ci guiderà alla scoperta delle soluzioni e delle tecnologie pensate per proteggere le aziende.

Come nascono e si progettano i sistemi di sicurezza per le aziende?

«I nostri sistemi di sicurezza utilizzano prodotti a marchio SAET: l’installazione e l’assistenza sono sempre a cura del nostro gruppo. Per le aziende vuol dire avere la certezza di una filiera garantita e che, partendo dalle loro esigenze, SAET è in grado di pianificare un sistema costruito su misura, con soluzioni all’avanguardia. Le aziende, oggi, hanno bisogno di soluzioni concrete in grado di metterle al riparo da eventuali attacchi esterni o dalle problematiche che potrebbero sorgere all’interno degli impianti. SAET, oggi, è pronto a dare una mano alle aziende italiane.»

Quali sono le soluzioni dei sistemi di sicurezza SAET?

«Oltre a raccogliere le richieste del cliente e a trovare le soluzioni più adatte a lui, offrendo quindi un servizio di consulenza, SAET è  grado di progettare su misura l’impianto di videosorveglianza, quello antintrusione, il sistema antincendio, mettere al riparo ogni centimetro dell’azienda con la essa in sicurezza del perimetro, delle zone interne e delle aree sensibili. Ma non finisce qui perché SAET è on grado di occuparsi del controllo degli accessi e della gestione della produzione. Aspetti questi che potrebbero entrare in un’ottica più grande ed andare a migliorare l’intera organizzazione aziendale.»

Perché un’azienda dovrebbe scegliere SAET per i suoi sistemi di sicurezza?

«Un’azienda dovrebbe scegliere SAET perché i sistemi di sicurezza vengono costruiti sulle reali esigenze dell’azienda con l’utilizzo di soluzioni all’avanguardia. SAET, inoltre, garantisce livelli di sicurezza tra i più elevati sul mercato e affronta con accuratezza e minuziosità tutte le fasi di implementazione del servizio: dalla produzione di dispositivi tecnologici alla progettazione degli impianti, fino all'assistenza continua nel tempo. Chi sceglie SAET sa di affidarsi ad un’azienda con più di 40 anni di storia, ad un gruppo solido che si è costruito un’immagine di tutto rispetto nel campo della sicurezza presente su tutto il territorio che ha fatto della qualità e dell'italianità una bandiera in campo tecnologico.»

Quali sono le aziende che si sono affidate a SAET?

«SAET, nel corso della sua lunga storia, è diventata partner di tantissime realtà imprenditoriali di grande spessore. Aziende che operano in diversi campi e che hanno trovato in SAET, da decenni, un partner ideale a cui affidare il loro futuro. E per ognuno di loro siamo stati in grado di progettare sistemi di sicurezza in grado di soddisfare ogni esigenza in fatto di sicurezza. Ma tutto questo non sarebbe stato possibile senza la qualità dei nostri prodotti.» Clicca qui per conoscere alcuni dei nostri clienti.

Quali sono le caratteristiche dei prodotti SAET?

«SAET si distingue dai suoi competitor grazie al valore aggiunto della filiera integrata. SAET produce, rivende e fa assistenza sui suoi prodotti e, soprattutto, non ha mai smesso nel tempo di investire in ricerca e sviluppo. I prodotti SAET sono di ottima qualità, garantiscono ottime prestazioni nel tempo e sono all’avanguardia.»

Quali sono i servizi che SAET ha pensato per le aziende?

«Alcuni li abbiamo già visti: consulenza e progettazione di sistemi di sicurezza efficaci e affidabili ma è nella realizzazione di soluzioni su misura che noi di SAET riusciamo a dare il meglio. Ogni sistema di sicurezza viene progettato, come un abito, sulle reali esigenze dell’azienda. Garantiamo poi l’installazione, il cablaggio, la manutenzione nel tempo ed un servizio di assistenza grazie al quale le aziende sanno di non essere mai sole e con la sicurezza di essersi affidati a dei professionisti formati e aggiornati.»

 

SAET e ABB Smart Building

SAET e ABB hanno messo in campo soluzioni e tecnologie per sviluppare un sistema di supervisione integrato per la gestione degli impianti di sicurezza e automazione dell’edificio.

 

SAET e ABB Smart Building

L’edificio diventa smart building, diventa intelligente e si gestisce semplicemente da un pannello di controllo. Niente più sprechi, massimo controllo dei consumi, costi di manutenzione ridotti, tempi di attesa dimezzati per la risoluzione di ogni inconveniente. Fantascienza? No, realtà!

Lo smart building, l’edificio intelligente di cui sentiamo tanto parlare, finalmente si materializza davanti a noi e si controlla semplicemente da un pannello di controllo.

Vivere o lavorare nell'edificio del futuro vuol dire di gestire gli impianti di:

  • Antintrusione
  • Controllo accessi
  • Rilevazione fumi
  • Videosorveglianza
  • Evacuazione 
  • Gestione illuminazione

Quali sono le soluzioni SAET e ABB per lo smart building?

Le soluzioni SAET e ABB Smart Building si adattano a diversi tipi di edificio: uffici, alberghi, ospedali, centri commerciali, abitazioni e questo per la possibilità di essere progettato in base alle diverse esigenze e di essere gestito da un semplice pannello di controllo che non necessita, per la sua gestione, di particolari competenze.

Il pannello di controllo prende il nome di GEMSS ed è uno strumento multimediale per la gestione integrata, un’interfaccia semplice e intuitiva verso tutti i sottosistemi al servizio dell’edificio, in grado di mostrare in tempo reale lo stato di tutti i dispositivi presenti.  

A GEMSS possono essere collegati tutti i sistemi installati consentendo la gestione di ogni singola zona dell’edificio: i sistemi di illuminazione, per esempio, il controllo e il comando degli interruttori contenuti nei quadri elettrici, la gestione della climatizzazione.

Tante funzioni ed unica interfaccia easy che è semplice e intuitiva e per la quale non serve essere dei tecnici. Un controllo totale che consente di aumentare il livello di sicurezza all’interno dell’edificio e il risparmio energetico.

GEMSS può offrire un supporto alla manutenzione ordinaria?

Il manutentore termotecnico, per esempio, attraverso il monitor presente nel suo ufficio può controllare, in ogni momento, le  unità di trattamento aria, le caldaie, i gruppi frigo e le pompe. Lo stesso vale per chi si occupa dell’impianto elettrico che può monitorare il sistema di rilevazione fumi e riarmare gli interruttori contenuti nei quadri elettrici. Il monitoraggio continuo riduce costi e tempi di intervento e migliora la qualità della vita stessa nel momento in cui sappiamo che ogni cosa è sotto il nostro controllo.

Il futuro dell’abitare è proprio in questa nuova consapevolezza.

 

 

Condominio e Videosorveglianza: le riprese sono valide nel processo penale

Nel condominio convivono diverse tipologie di coinquilini, ognuno con le proprie esigenze ed abitudini. Ma come per ogni ambiente condiviso da più persone è necessario che a tutti venga assicurata la protezione di cui hanno bisogno. Non esiste più il servizio di portineria a cui eravamo abituati in passato ma soluzioni al passo con i tempi  in grado di mettere al riparo i beni comuni e di prevenire azioni esterne come gli atti vandalici, la cui risoluzione andrebbe ad aggravare sulle spese, già alte, della normale amministrazione. Il condomino o l’amministratore necessita di strumenti in grado anche di far rispettare i regolamenti e le buone norme del vivere insieme, trovare rimedi in grado di rispondere a queste esigenze diventa una priorità insieme all’obbligo di videosorvegliare i luoghi condivisi con tutti gli altri condomini.

Proprio una recente sentenza della Cassazione Cass. sent. n. 25307/2016 del 17.06.2016 sembra voler rafforzare ancora di più questi concetti e venire in aiuto ad amministratori e condomini che sono costretti a tutelarsi quando semplici dispetti si trasformano poi in atti illeciti (dal furto della corrispondenza o lettura non autorizzata delle lettere di altri, al danneggiamento dei beni del condominio o dei singoli proprietari, fino al vero e proprio stalking condominiale.

Con questa recente sentenza, infatti,  viene chiarito che caso in cui un condomino venga colto dalla telecamera di condominio a commettere un reato, le immagini possono essere utilizzate contro di lui nel processo penale, anche se la videosorveglianza non è stata in precedenza autorizzata dal giudice.

Per ulteriori approfondimenti:

http://www.secsolution.it/notizia.asp?id=6523#.V34crD3YMF8.facebook

Parti per le vacanze? Ecco 6 consigli per una casa sicura

Sei pronto a partire? Ecco degli utili consigli per una casa sicura

1. Casa sicura: antifurto presente?

Di sicuro è il modo migliore per scoraggiare la Banda Bassotti, specie se è collegato ad un servizio di vigilanza. A quel punto casa sicura e vacanza tranquilla. Non lesinare e scegli per sistemi e impianti che possano davvero proteggere i tuoi beni.

Scegli di avere le telecamere di sicurezza all’esterno, così da far capire subito che la tua dimora potrebbe essere allarmata. Puoi pensare anche a soluzioni veloci come le sirene d’allarme false, ti assicuro che non è facile capire che non suoneranno ma sono un buon deterrente.

Ricordati che fino al 31 dicembre 2016 le agevolazioni fiscali ti permettono di detrarre il 50% della spesa sostenuta e il 10% sulla prestazione del servizio.

2. Casa sicura: etichetta identificativa

Questo è sicuramente un suggerimento evergreen, fatto una volta utile per sempre, e riguarda le etichette dei campanelli e delle cassette postali. Il postino non avrà problemi e il tuo scassinatore ci penserà due volte: usa solo il tuo cognome e aggiungi anche “famiglia”.

Un modo semplice per avere una casa sicura è non far capire che sei solo: la possibilità dell’andirivieni di più familiari è scoraggiante.

3. Casa sicura: vicini di casa

Se c’è qualcosa che mette in difficoltà chi vuole rubare è la presenza continua di persone nell’appartamento o quantomeno alcuni segnali che lo facciano credere.

Casa sicura? Allora metti in pratica questi accorgimenti chiedendo al tuo vicino di casa di:

  • ritirare la posta tutte le volte che ne trova all’interno della cassetta;
  • annaffiare le piante in balcone e aprire tutte le tapparelle durante la sua permanenza in casa;
  • entrare da voi in orari differenti mentre siete sotto l’ombrellone;
  • chiamare il giardiniere per il taglio dell’erba (per viaggi veramente lunghi e presenza di giardino);
  • accendere le luci di sera e spegnerle qualche ora dopo.

Qualora avessi il cane, non portarlo in pensione, lascialo scorrazzare felice e chiedi di accudirlo ai vicini. Casa sicura con antifurto naturale: abbaiare significa rumore e fuga.

Attenzione! Per tutta questa disponibilità preparati a ricambiare e porta un bel souvenir da ovunque tu sia.

4. Casa sicura: segreteria telefonica

Sarò velocissimo, registra questo messaggio e nessun altro: “Ciao, non siamo in casa ma torneremo tra poco. Se proprio hai tanta urgenza ti basterà telefonarmi al….oppure riprova più tardi sarai più fortunato” 

Non vorrai mica dire a Lupin che sei in vacanza per tanti giorni e lui può agire indisturbato svaligiandoti la casa? Sicura non lo sarebbe davvero più!

5. Casa sicura: social network lascia stare

Non ci sono solo brave persone a cui piace vedere ciò che fai. Per avere una casa sicura frena il tuo entusiasmo su Facebook, Instagram o chi per esso. Controllare le tue impostazioni per la privacy, dove è possibile modificarle, è il minimo. Soprattutto, evita messaggi del tipo: “Stiamo partendo per la Polinesia, 4 settimane di assoluto relax, ci vediamo al nostro rientro il giorno x”. 

Sapere direttamente da te quando venire a trovarti non è saggio. Cerca di camuffare il messaggio o darne uno di falso, se proprio non puoi fare a meno di documentare tutto ciò che fai. “Oggi parto e da stasera a casa ci sarà Alex e Sarah la coppia newyorkese con la quale ci siamo scambiati gli appartamenti l’anno scorso” è perfetto.

6. Casa sicura: non essere scontato

Infine, per la tua casa sicura, nel caso in cui siano già entrati, cerca di fargli perdere tempo fino all’arrivo della sorveglianza. Se non hai un antifurto, come ti ho consigliato al punto 1 o un qualcuno accanto che può sentire rumori non servirà a molto ma, in caso contrario, potrebbe essere importante.

Ecco cosa devi fare:

  • non nascondere gli ori nel solito cassetto del comò in camera da letto: non ci deve essere nulla di valore;
  • in soggiorno dotati di una bella libreria e nascondi ciò che credi evitando lo scaffale più alto e quello più basso, suddividendolo possibilmente;
  • le scatole da scarpe non funzionano più, meglio dentro la cesta dei panni sporchi o tra i giocattoli dei tuoi bimbi.

Più tempo perderanno nella ricerca maggiore sarà la possibilità di acciuffarli. Verrà meno il concetto di casa sicura però potresti riuscire a limitare i danni.

Se hai qualche altro bel trucchetto da insegnare, scrivilo nei commenti, sarebbe davvero utile per partire più tranquilli!

Tratto da http://www.6sicuro.it/antifurto-casa/casa-sicura

Corso di aggiornamento "SAET HI CLOUD - Tecnologia, privacy, normativa, rischi ed opportunità" Asti, 5 maggio 2016

È oggi riconosciuto da tutti che Internet è la più grande autostrada del business mondiale.
SAET, con un progetto nato nel 2010, ha deciso di percorrere è sfruttare il più grande strumento di comunicazione e business
mai esistito per metterlo al servizio della sicurezza e dell’automazione dell’edificio.
L’innovazione  è  offrire  sistemi  di  sicurezza  e  di  automazione immediatamente  connettibile  ad  un  Server  Cloud  allo  scopo di renderli completamente fruibili tramite Internet dal proprio Utente e dal System Integrator che ne fa la gestione e la conduzione.
L’impiego di Sistemi di Supervisione e Gestione CLOUD presenta numerosi ed evidenti vantaggi.

 

Da oggi è online il nostro nuovo sito Web!

  Seguici su saetspa.it: nuovo sito Web, nuove soluzioni, la Qualità di sempre!

Dal 29 al 31 maggio Roma si trasformerà nella Capitale dei Droni

L'aeroporto dell'Urbe, storico scalo della Capitale, ospiterà il Roma Drone Expo&Show 2015, seconda edizione del Salone aeronautico nazionale sui droni. Sarà il più grande evento dedicato agli Aeromobili a Pilotaggio Remoto (Apr) mai organizzato in Italia e anche in Europa. La manifestazione, che avrà luogo nei giorni 29-30-31 maggio prossimi, vedrà la presenza dei maggiori costruttori di droni italiani ed esteri, delle principali aziende che forniscono servizi con gli Apr per le più diverse applicazioni professionali (dalla tv all'agricoltura, dalla fotogrammetria alla security), e anche delle tante scuole di volo per la formazione dei piloti. Non mancherà uno spazio per i droni militari delle Forze Armate italiane e un'area dedicata agli appassionati dell'aviazione. Il programma prevede anche una serie di convegni e workshop su queste macchine volanti, oltre ad una flight-zone dove saranno effettuati voli dimostrativi dei più recenti modelli di droni ad ala fissa e rotante. La manifestazione, organizzata dall'associazione Ifimedia e da Mediarkè, ha già ricevuto i patrocini da Ministero della Difesa, Ministero dello Sviluppo Economico, Ente Nazionale per l'Aviazione Civile (Enac), Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), Enea e dalla Città metropolitana di Roma Capitale.

http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2015-04-08/roma-capitale-droni-29-31-maggio-151622.shtml?uuid=ABvNO4LD

Furti in casa, uno studio anticipa le abitazioni a rischio: "Ecco i posti dove i ladri colpiranno"

ricercatori dell’Università Cattolica, dell'Università di Trento e del dipartimento di Pubblica sicurezza del ministero dell’Interno hanno messo a punto un modello predittivo.

Ecco in quali case milanesi entreranno i ladri. A prevederlo è lo studio del centro di ricerca “Transcrime”, diretto dal professor Ernesto Savona: i ricercatori dell’Università Cattolica, dell'Università di Trento e del dipartimento di Pubblica sicurezza del ministero dell’Interno — basandosi sui dati di fatti reali del 2013 — hanno messo a punto un modello predittivo. Perché«prevedere significa prevenire»... 

Per consultare l'articolo cliccare su http://milano.repubblica.it/cronaca/2015/04/21/news/furti_in_casa_uno_studio_anticipa_le_abitazioni_a_rischio_ecco_i_posti_dove_colpiranno_-112447949/?ref=fbpr

Auguri di Buona Pasqua da SAET SpA

SAET SpA augura ai suoi Clienti una Serena Pasqua!

pasqua

 

Iscriviti alla newsletter